Lascito testamentario - Aidesp

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lascito testamentario

Una vita intera vale il sorriso di un bambino.
Grazie a tutti coloro che hanno fatto la stessa scelta di Paola,  l’Associazione ha potuto aiutare migliaia di bambini e famiglie in tutto il mondo, dando loro accoglienza, cibo, istruzione, accesso alla sanità e formazione per favorire lo sviluppo nelle zone più svantaggiate. Tendere la mano a chi ha meno di noi è una gioia che non finisce mai, proprio come vedere il sorriso nascere sui volti dei nostri bambini.
Con un lascito Aidesp puoi garantire un futuro a migliaia di bambini.
Con un lascito testamentario all'Associazione potrai continuare ad aiutarci anche in futuro.

Testamento

È l’atto giuridico con il quale una persona decide a chi saranno destinati i propri beni dopo la sua morte. Può essere redatto in qualsiasi momento da chiunque abbia compiuto i 18 anni e sia capace di intendere e di volere ed è sempre modificabile e/o revocabile. Può essere di due tipi:

olografo, cioè scritto di proprio pugno

pubblico, redatto di fronte ad un notaio alla presenza di testimoni

Nel testamento si può indicare entità e destinazione del lascito in maniera generica (es: “lascio tutti i miei beni all'Associazione Aidesp”) o specifica (es: “Lascio Euro xxx all'Associazione Aidesp” oppure: “Lascio l’immobile sito in via, numero civico, città all'Associazione Aidesp”).

Il lascito può riguardare qualsiasi tipo di bene, mobile e immobile. Si può anche decidere di stipulare una polizza vita in favore di Aidesp: presso la propria società di assicurazione si può scegliere liberamente il beneficiario, anche se si hanno eredi legittimari (coniuge, figli, genitori).
L’indicazione del beneficiario può essere contestuale o successiva alla sottoscrizione della polizza.

Ricorda:
Il testamento è un atto strettamente personale e quindi non si può fare insieme ad un’altra persona. Marito e moglie, ad esempio, non possono fare insieme testamento ma ognuno deve redigere il proprio.
Devi fare esplicitamente salvi i diritti dei tuoi familiari più stretti (i c.d. “legittimari”: coniuge, figli, genitori) e cioè le persone a favore delle quali la legge dispone che sia in ogni caso lasciata una quota della tua eredità.
Puoi indicare una persona che avrà il ruolo di eseguire le volontà che hai indicato nel testamento (è l’esecutore testamentario). Può essere un notaio o una qualsiasi persona di tua fiducia.
Devi conservare il testamento in un luogo sicuro da te scelto, oppure consegnarlo ad una persona di cui ti fidi o a un notaio.

L'Associazione Aidesp è una Onlus, quindi ogni lascito testamentario a suo favore non è soggetto a tasse di successione del d.lgs. 346/1990: tutto ciò che viene destinato in questo modo a Aidesp verrà interamente investito nei progetti per i bambini. Se non fai testamento i tuoi beni si trasmetteranno automaticamente ai tuoi parenti e, se non ci sono parenti entro il sesto grado, la tua eredità andrà allo Stato.

Il ricordo è un modo d’incontrarsi (K.Gibran)

Far rivivere il ricordo di una persona cara attraverso una concreta azione di solidarietà Anche in questo modo è possibile contribuire ad un progetto dell'Associazione Aidesp ed aiutare un bambino in difficoltà.
Spesso riceviamo donazioni accompagnate da messaggi che ricordano una persona cara in nome della quale vengono inviati i contributi, con il desiderio così di far rivivere il ricordo e le volontà dello scomparso.
Per le donazioni in memoria non è richiesta alcuna formalità particolare, ne è necessario consultare un notaio. È sufficiente scegliere il metodo di pagamento ed indicare nella causale la donazione in memoria.
L'Associazione Aidesp invierà una lettera alla famiglia della persona scomparsa, informandola dell’avvenuta donazione in ricordo del proprio caro/a.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu